Perché l’Italia è il paese dell’anno secondo l’Economist

(fonte: Internazionale) È con grande piacere e orgoglio che pubblichiamo questo articolo di lode all’Italia. È il nostro ultimo articolo dell’anno, ed estendiamo ai nostri fedeli lettori e collaboratori gli auguri dell’Economist al nostro paese. Ogni anno l’Economist sceglie un

Luisa, 109 anni: “Ho superato la spagnola, questo virus non mi fa paura”

(fonte: Cristina Nadotti, Repubblica)   Una delle donne più anziane d’Italia racconta la sua vita e l’ultima sfida: affrontare la pandemia: “Ho studiato per difendermi dai padroni e vado a votare perché è così che si fa sentire la propria

Moda, “Fast fashion”: una Campagna per cambiarne i meccanismi di produzione in Italia

(fonte: Repubblica) L’industria tessile è una delle più inquinanti al mondo: produce 1,2 miliardi di tonnellate l’anno di gas serra, più dei trasporti aerei e marittimi internazionali messi insieme (Ellen MacArthur Foundation 2017). Questo settore ha impatti enormi anche sul

Idrissa, il “nuovo italiano” che dice: “l’Italia non è anche mia solo quando mi fa comodo, lo è pure quando rischia di crollare”

(fonte: Vladimiro Polchi, Repubblica) Tra i tanti articoli che in questi giorni documentano drammaticamente la sofferenza, il coraggio e  lo spirito con cui gli italiani stanno affrontando questo momento, ne scegliamo alcuni che ci piacerebbe serbassero nel futuro il ricordo