Bambino con monopattino in piazza

( fonte: Luca Martinelli, Essenziale)

Reggio Emilia è una città a misura di bambino. Un concetto che può essere riassunto così: i bambini che crescono qui sono trattati come cittadini del presente e non solo del futuro, secondo l’approccio educativo conosciuto in tutto il mondo come “Reggio Emilia approach”. Allo stesso modo, i bambini che arrivano in visita con i genitori sono considerati turisti di oggi e non di domani. Quest’immagine mi è chiara camminando a passo lento sotto i portici della via Emilia in compagnia di Massimo Montanari, mentre mia figlia (che ha quasi sei anni e mezzo), in sella a Mafalda, lo ascolta affascinata raccontare le sue fiabe sulla città.

Mafalda è un’asina, una presenza abituale nel dedalo di vie pedonalizzate del centro storico.

Per leggere tutto l’articolo di Luca Marinelli, clicca qui: Essenziale

Note culturali

L’Essenziale è lo spin-off di Internazionale, il magazine diretto da Giovanni De Mauro; è dedicato all’attualità italiana. Il progetto editoriale intende offrire un’informazione chiara, sintetica, verificata e accessibile sui più rilevanti avvenimenti della settimana in Italia, spaziando dalla politica all’economia, alla cronaca, alla cultura, all’intrattenimento, allo sport, con articoli originali firmati dalla redazione interna supportata da una rete di corrispondenti sul territorio. Il primo numero è uscito il 6 novembre 2021.

Il Reggio Emilia Approach è un metodo educativo sviluppato da Loris Malaguzzi (1920 – 1994), negli anni successivi alla Seconda guerra mondiale. E’una filosofia educativa fondata sull’immagine di un bambino con forti potenzialità di sviluppo e soggetto di diritti, che apprende attraverso i linguaggi appartenenti a tutti gli esseri umani e che cresce nella relazione con gli altri. Per saperne di più, clicca qui: Reggio Emilia Approach

Vi invitiamo caldamente a visitare Reggio Emilia, una città un po’ fuori dal più conosciuto circuito turistico, ma molto interessante. E se siete in compagnia di bambini, o se semplicemente volete visitare la città in modo insolito, al seguito di un asino, mettetevi in contatto con l’asineria didattica di Reggio Emilia, asinidireggioemilia.it.

Le favole di Reggio Emilia

Leave a Reply

Your email address will not be published.