Francobollo che mostra Maria Montessori davanti a scolari

(fonte: Corriere)

Sono passati 70 anni dalla morte di Maria Montessori (nata il 31 agosto 1870 a Chiaravalle e morta il 6 maggio 1952 a Noordwijk nei Paesi Bassi). E’ un’occasione per celebrare la più celebre educatrice e pedagogista italiana del Novecento. Sperimentatrice rigorosa ha visto riconosciuto il suo lavoro più all’estero che in Italia, le sue scoperte e i suoi metodi sono stati sviluppati, copiati anche in modo che a lei non sarebbe piaciuto, ma la sua lezione e la modernità della sua azione restano immutate. Pubblichiamo uno stralcio del libro di Martine Gilsoul e Charlotte Poussin “Maria Montessori, una vita per i bambini”, pubblicato da Giunti, in cui si racconta la nascita delle famose Case dei Bambini, la prima delle quali è stata quella di via dei Marsi a San Lorenzo a Roma, da lei stessa definita la «base del mio lavoro».

Per leggere tutto l’articolo, clicca qui: Corriere

Così nacquero «le case dei bambini» di Maria Montessori

Leave a Reply

Your email address will not be published.