Papa che benedice( fonte: Massimo Franco, Corriere)

«Non ci sono due Papi. Il Papa è uno solo…». Joseph Ratzinger lo dice con un filo di voce, sforzandosi di scandire bene ogni parola. È seduto su una delle due poltrone di pelle chiara che insieme con un divano arredano il salone al primo piano del monastero di clausura Mater Ecclesiae: il luogo dove si è ritirato, lontano da tutto, nel marzo del 2013. […]

È significativo: consegna il messaggio al Corriere proprio alla vigilia del 28 febbraio, lo stesso giorno di otto anni fa in cui divenne effettiva la sua rinuncia al Papato, annunciata l’11 febbraio. A distanza di tanto tempo, il disorientamento, lo stupore, le maldicenze che hanno accompagnato quel gesto epocale ristagnano ancora. E Benedetto sembra volerli esorcizzare. Chiediamo se in questi anni abbia ripensato spesso a quel giorno. Annuisce. «È stata una decisione difficile. Ma l’ho presa in piena coscienza, e credo di avere fatto bene. Alcuni miei amici un po’ “fanatici” sono ancora arrabbiati, non hanno voluto accettare la mia scelta. Penso alle teorie cospirative che l’hanno seguita: chi ha detto che è stato per colpa dello scandalo di Vatileaks, chi di un complotto della lobby gay, chi del caso del teologo conservatore lefebvriano Richard Williamson. Non vogliono credere a una scelta compiuta consapevolmente. Ma la mia coscienza è a posto».

Per leggere tutto l’articolo di Massimo Franco, clicca qui: Corriere

Note culturali

Otto anni fa, nel febbraio del 2013, Papa Benedetto XVI, Joseph Ratzinger, annunciava la volontà di rinunciare al papato. E’ un evento molto raro nella storia della Chiesa e ovviamente ha suscitato molto scalpore. Per riandare a quei giorni, cliccate qui: Corriere

Il direttore del Corriere della Sera, Luciano Fontana, assieme all’opinionista Massimo Franco, si sono recati in visita a Joseph Ratzinger portandogli in dono una cartella con due disegni che il vignettista Emilio Giannelli ha dedicato a Ratzinger. Giannelli è un’istituzione del Corriere, ogni giorno – dal 1991 – sulla prima pagina del giornale esce una sua vignetta satirica, sempre molto corrosiva. Ci piacerebbe pubblicarne qualcuna, ma purtroppo non sono disponibili sul web. Per avere un’idea delle sue vignette, cliccate qui: Giannelli

Vatileaks: con questo neologismo si indica una serie di scandali avvenuti intorno al 2012 in seguito alla pubblicazione documenti riservati riguardanti la gestione dello IOR, la banca del Vaticano.

Richard Williamson: è un vescovo britannico scomunicato dalla Chiesa Cattolica e divenuto famoso nel 2009 per lo scandalo internazionale suscitato dalle sue posizioni negazioniste dell’Olocausto.

Spunti per la riflessione

  1. L’articolo si sofferma a lungo sulla descrizione fisica di Joseph Ratzinger e dell’ambiente in cui vive. Che immagine del Papa emerito ci vuole comunicare? Che relazione c’è tra l’aspetto del Papa emerito e l’ambiente circostante?
  2. Che cosa pensa Joseph Ratzinger di Biden, il nuovo presidente, cattolico, degli Stati Uniti?

 

Non ci sono due Papi

Leave a Reply

Your email address will not be published.