Aula universitaria con studenti

(fonte: Ilaria Venturi, Repubblica)

La diciassettesima edizione del QS World University Rankings, la classifica universitaria globale più consultata al mondo, … certifica l’avanzata dell’accademia italiana. Nonostante tutto, ovvero un sistema sottofinanziato, che soffre per i cervelli in fuga e la ricerca retta da molti (troppi) ricercatori precari. Reputazione accademica e impatto della ricerca prodotta, due degli indicatori del Ranking, sono i punti forti dei nostri atenei in questa analisi.

Il Politecnico di Milano quest’anno ha raggiunto la 137esima posizione al mondo, guadagnandone dodici. Si conferma per il sesto anno consecutivo la prima università Italiana … Per leggere l’intero articolo di Ilaria Venturi clicca qui: Repubblica.

Note linguistiche e culturali

Cervelli in fuga: con questa espressione si indicano i laureati che vanno a lavorare all’estero
Ricercatori precari: sono professori universitari che svolgono attività didattica con contratti a tempo determinato e spesso con stipendi molto bassi.

Politecnico di Milano: è un istituto universitario milanese specializzato principalmente in ingegneria e architettura.

Attività

Dopo aver letto l’intero articolo, rispondere alle domande: quali sono le migliori università italiane? Quali sono i loro punti di forza?
Che cosa significa la frase: “siamo riusciti a garantire l’intera offerta formativa da remoto”? Chi la pronuncia?

Le università italiane scalano le classifiche

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *